lunedì, aprile 09, 2012

Non subito. Non ora. Ma quando sarai triste e ti accorgerai che non ci sarò per chiederti “ come va ? “ quel silenzio sarà assordante. (Deborah Simeone).

A me verrebbe da chiederti subito "Come va?" e me lo devo tenere per me perché come si dice in inglese a deal is a deal , un patto è un patto. Ci sono anche patti che non valgono nulla. Ma che importa? L'importante è che uno dei due lo rispetti. Io non credo agli arrivederci. Credo che le persone abbiano bisogno di tempo per maturare certe decisioni. Forse ora tu che mi leggi stai bene, sei convinto, forse sei più sereno di me anche se lo dubito. Ma non subito, non ora, avrai voglia di sentirmi e di dirmi come va , come sto io come stai tu come stiamo da lontani. Io spero che tu arrivi in tempo per chiedermi come va . Perché la risposta non sia un silenzio assordante e non c'è nulla di peggio nella vita di un silenzio assordante, del voler SENTIRE una persona e sentirla come morta. Quando sarai triste mi cercherai lo so, io spero di esserci ancora e di non doverti lasciare con un silenzio assordante. Farò tutto il possibile e sprecherò ogni goccia del mio amore per esser sempre dove sei tu.

1 commento:

silvia aresi ha detto...

detto fatto. non voglio esser triste, solo orgogliosa di me stessa e del valore che rappresento.